Affascinante Barcellona

QUADRO RAMBLA
Settembre 2009:  Da sempre dicevo a mio fratello che il mio regalo per la sua laurea in architettura sarebbe stato un viaggio a Barcellona e quindi di affrettarsi… anche perché avevo deciso che lo avrei accompagnato!
Nel momento in cui stavo prenotando l’aereo, ovviamente con la Ryanair ho pensato che sarebbe stato carino includere nel viaggio anche i miei genitori. Loro non avevano mai preso l’aereo e viaggiando insieme si sarebbero fatti coraggio e magari sarebbe stata l’occasione per fare dei viaggi futuri.
Infatti dopo il “battesimo di volo” l’anno successivo sono andati da soli a Parigi e nonostante non parlassero neanche una parola di francese, se la sono cavata e magicamente sono tornati sani e salvi a Roma!
I biglietti aerei per Barcellona sono costati una cifra che quasi mi vergogno a dire… 2 li ho pagati 6 euro andata e ritorno e gli altri 2 ben 12 euro andata e ritorno! Questo è stato indubbiamente il viaggio con il biglietto aereo meno costoso che abbia mai fatto!
Per quanto riguarda l’albergo abbiamo alloggiato presso l’Ayre Hotel a 4 stelle con vista proprio davanti la Sagrada Familia! L’albergo era di recente costruzione (al momento della prenotazione su Street View si vedeva un cantiere) e quindi applicava delle tariffe promozionali… ricordo che all’incirca abbiamo pagato 30 euro a persona a notte!
1HOTEL AYRE
Dopo esserci sistemati in albergo, rinfrescati e rifocillati iniziamo la visita della città dal Forum, una zona di Barcellona con strutture ultra moderne… questo viaggio prenderà presto una certa piega architettonica, ma d’altro canto il motivo principale era festeggiare la laurea in architettura di mio fratello e perciò lo accontenteremo (quasi sempre).
2Il forum
Proseguiamo con il Mare Magnum, che devo dire soprattutto al tramonto è molto carino e dopo una buonissima cena a base di paella al Chipiron, stanchi ma soddisfatti torniamo in albergo.
4mare magnum al tramonto 3maremagnum
Decidiamo di dedicare il giorno seguente principalmente ad ammirare le opere di Gaudì: vedremo la Sagrada Familia e la Pedrera solo dall’esterno, mentre decidiamo di visitare Casa Battlò che è veramente splendida…
5SAGRADA FAMILIA 6la Pedrera
L’esterno sembra formato da tante mascherine colorate, bellissimo anche il tetto che sembra il dorso di un drago e i comignoli colorati!
7casa Battlò
8casa battlò tetto
Passiamo per Plaza Catalunya verso la prossima tappa: Rambla! Lungo la Rambla ci sono i banchi dei fiorai che sono veramente molto curati e poi pittori e artisti di strada di ogni genere, sembra un delirio  ad ogni passo una sorpresa! Nei pressi della Rambla avremmo voluto visitare il mercato de la Bocheria ma purtroppo era chiuso, un motivo in più per tornare a Barcellona!
9plaza catalunya 11Rambla e artisti di strada
La visita prosegue al Port Olimpic dove tra i vari grattaceli e costruzioni spicca il pesce d’oro di Frank Ghery!
12vicino pesce GAry13pesce Gary
E poi ancora architettura con la visita al padiglione di Mies van der Rohe. I miei genitori si defilano perciò accompagno io mio fratello… E’ molto emozionato credo giustamente visto che l’ha tanto studiato all’Università e dai commenti che leggo nel libro degli ospiti molti altri giovani architetti hanno provato la stessa cosa!
14interno padiglione Mies Van Deroe
Avevamo programmato un weekend lungo e purtroppo il nostro soggiorno sta volgendo al termine, approfittiamo per la visita al Parc Guell. Il tempo sembra poco propenso ad assisterci, ci attrezziamo perciò con dei poncho acquistati in un negozio cinese e iniziamo la salita… I poncho acquistati al costo di 1 euro l’uno ci salveranno dal tornare fradici dalla testa ai piedi. Quando arriviamo, del tremendo temporale di pochi minuti prima rimane solo qualche pozzanghera e fa capolino un bel sole! Gettiamo i poncho in un cestino e voilà belli asciutti iniziamo a visitare il Parco.
Ogni angolo è una scoperta a partire dalla fontana a forma di salamandra, la sala delle 100 colonne, le variopinte panchine a forma si serpente sinuoso ricoperte da ceramica colorata che formano degli splendidi mosaici… tutto sembra uscito da un sogno!
17PARC GUELL PANCHINA 15PARC GUELL
16PARC GUELL FINESTRA COLORATA
Il viaggio si conclude con una visita veloce alla Torre Agbar prima di tornare alla navetta che ci porterà all’aeroporto di Girona.
18GRATTACIELO
Siamo ancora sulla navetta eppure Barcellona già ci manca… il nostro è soltanto un arrivederci ad una splendida città molto allegra, colorata e piena di vita!
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...